Arthas Armor Tutorial

Welcome to the Arthas Menethil’s armor tutorial!

This guide is based on my armor, therefore it will show the method I chose to use. There are of course many other ways of making it, but we will use the typical LARP weapons’ technique: plastazote and latex.

image

MATERIALS NEEDED FOR ARMOR PIECES:

(remember that the quantity is up to you: keep in mind your size and occasional mistakes/attempts you might make/do)

- Plastazote (medium density, black sheets): the best thing you can do to get your hands on this particular kind of foam is to ask LARP associations in your area for information and contacts. Otherwise feel free to ask me directly, but remember I live in Italy and I can only give you Italian names, mails and addresses. Indeed, other kinds of foam could well replace plastazote.

- Latex (liquid, transparent): you can buy it in any respectable fine arts shop. Remember to keep it away from heat sources and to always plug the bottle up.

- Acrylic paintings (better in tubes): silver, charcoal, black

- Ultra-soft brushes with fine bristles.

- Some smaller brush for fine arts to finish.

- Bostik glue (or any kind of similar glue) in tubes or cans.

- Plastic or styrofoam skulls (look for them in shops selling halloween/carnival stuff)

- Conical party hats in card board (for spikes)

- A pair of rubber or leather long boots (I usually buy them at Decathlon)

- A pair of leather or artificial leather brown gloves

- Thinner foam sheets for finishing

- Little foam or styrofoam spheres

- Polystyrene planks

- Vinyl glue

- Silicon gun with transparent refills

FACING: there are only two options: Isoflex (which is forbidden by law in some countries, like Italy) or Final LARP (your best choice).

You all should have basic tools such as cutter, sandpaper, pens and rulers at home.

HOW TO BUILD THE ARMOR:

Plastazote and latex is not a difficult technique to master, once you’ve developed the right manual skills. First of all, you should draw your pieces on a sheet of paper and cut them, in order to understand dimensions immediately, make some attempts and, most importantly, be able to replicate identical pieces whenever it’s needed (for example when making leg armor or bracers). In this phase, having a dummy is much helpful, but you can do without one too.

What you can do with plastazote sheets: thermoform, carve and sand them. Remember these three things well, because they’re your key to make any kind of armor. I’m not going to explain every single piece in details, only the most complex passages. Learn to make those, and you will be able to build the entire armor without any problem.

Speaking of Arthas, it’s better to start from the breastplate,which is very simple: simply cut three staggered plastazote sheets and glue them one on the other to obtain the first half of the final piece. Remember to attach the pieces after you’ve curved them: doing so will make them keep the desired shape without heating them up.

Another easy part is the belt. To make it, you have to learn to carve plastazote sheets in order to create grooves and patterns. Again, it’s very simple: draw the lines of the motif to carve with a pen, then use the cutter to make two opposite V-like incisions along their full length. You will see a small section of material coming off, leaving our groove behind. If it doesn’t come off on its own, help it with your hands and pull it away. Don’t be afraid of ruining anything, no one is going to be able to see it after you’ve painted it.

image

An alternate method is using a woodburning kit. However, it’s risky, because you will have to throw the piece away at your first mistake.

At this point, attach the skull you’ve chosen for your belt (after cutting away the back of its cranium in order to build it in the center of the armor piece) and build its horn with polystyrene. Draw and cut the silhouette and sand it until it is curved and polished. Then cover it with vinyl glue and use Bostik to attach it on the skull’s forehead.

With this same procedure you can build the leg-pieces, the boots cover, the gloves’ plates and the bracers without encountering any particular issue. Let me remind you to paint and put all the latex layers on the whole armor before attaching the pieces to the boots or any furry surface.

Let’s move on to what is certainly the most difficult part in the making of the majority of armors: shoulderguards. Arthas has two, different in shape but identical in dimension and, more or less, in the procedure as well. I advise to use card board to make some tentatives, until you’re completely satisfied, before working on plastazote.

To make shoulder pieces with such a material, the key is to borrow the “pence” technique from sewing, which is a little triangular to be cut in strategical points of the sheet, in order to curve it properly. Forget about shaping plastazote into half-spheres or something similar without having some details covering the pences needed to curve the original sheet. Fortunately, Arthas’ design helps us in this matter: both the pauldrons have spheres and details that can be used to cover pences, which have to be cut on the side of each piece, close to the two little skulls into the circles (which you have to build separately before glueing them, following the same procedure you used for the belt).

Once you’ve cut the pences, glue the two edges together to curve the plastazote sheet. Then go on creating all the details: refine the borders to better shape the pieces, add the half-spheres to the right pauldron (cut the foam spheres in two and attach them to the rest) and the larger boarders to the left one. Now, let’s look into each of the two pieces and their peculiarities.

Right shoulderguard: the only difficult thing is cutting the big skull in order to attach it to the rest. Be careful: use both your cutter and sandpaper to obtain a good glueing surface. To make its teeth, use plastazote and sand its edges. In this case, finding a polystyrene skull, like I did, would be very helpful. If you can’t find one, build it yourself with paper and vynyl glue, then polish it well until you have a nice-looking surface (there are one thousand other ways to do it, but this is the fastest and, if you do a good finishing, it can give you great results).

image

Left shoulderguard: the problem here is that kind of sharp protuberance which runs across the whole piece from its back to the front. To build it, cut a piece of plastazote to obtain two identical half-moons, then use the cutter to “peel” the largest edge of both, to make it oblique (instead of 90°). At this point, put glue on both the borders you’ve just reshaped and, when it’s dried, attach them to each other. In this way, you’ll see the blade-like effect of the original. Finally, you can glue it to the pauldron. This way of “peeling” the edges to create different angles between the various pieces is extremely useful in armor-making, so you should learn to master it as well as you can.

As for the spikes, which are perfect cones, you should get your hands on conical party hats, which can be cut and modified to get the proper dimension, then covered with vynyl glue to protect them and attached to the armor.

image

Very well, now that the construction part is over, let’s paint!

PAINTING:

First of all, you’ll need to prepare your lab for latex use. This is what you need:

- a can with cover for EACH COLOR you intend to use (in our case only one) and another for pure latex.

- a can with water and soap or ammoniac (which melts latex)

- a carbon mask which you have to wear ALL THE TIME while working, even in the open air.If your head starts to spin, stop immediately, go breathe some fresh air and wait an hour before starting again.

image

Now, fill a first can with pure latex and get ready for the first four coats. Paint in one verse only and be careful: passing on drying latex again will create clusters which are impossible to get rid of without “skinning” the whole piece and starting all over again. I suggest to make some practice, before these first layers are the moment when most people make mistakes and gets discouraged. The technique of painting with latex has to be mastered with a lot of exercise and patience, without being let down by errors.

Remember to wash your brush with hot water and soap before putting it into the water or ammoniac after every coat. Drying time changes according to humidity and weather or even the temperature of your working environment, if you’re not in the open. Pay attention: when latex is dry, do not let any pieces touch each other, or they will be glued together and completely ruined.

After four coats, you’ll see that latex has filled almost all the plastazote’s pores. It is time for colors! Mix a part of acrylic painting with three of latex in a can (always close it after working, the cocktail can be conserved!) and paint over the previous four layers. Depending on the color you’re using, it will take from three to seven coats to finish this part. As far as Arthas is concerned, I made a metallic grey mixing silver and charcoal. If you do like me, remember to keep a can of painting with no latex, to be used on the plastic, card board and polystyrene parts (skulls, horns and spikes).

FINISHING AND PROTECTING:

Once you’ve done with painting, it is time for finishings. The best way to do them depends on personal taste. I, for example, love armors which look ruined, not fresh from the forge but battle-worn. This you can do in a precise fashion: making your work look dirty with a technique known as “dry brush”.

Use a small brush for fine arts and some black acrylic painting (in a tube). Put some color on a piece of paper and spread it. Your brush will be ruined but your goal is to obtain dirty and almost dry bristles. At this point, brush every protuberance, border and carving of the armor to have a very realistic effect of shades and dirty parts. There are many other techniques to do the same, just surf any modeling site for more info. I use them myself too, but for Arthas I preferred to stick to the dry brush.

Finally, you’ll need to protect your armor with Final LARP. Again, wear a mask and keep in mind that it takes at least 24 hours for this kind of protective painting to get dry, and some days before it stops being sticky.

LEAKING ICE EFFECT

This was my own choice: in many pictures Arthas’ armor looks covered with ice stalactites leaking from every single piece. To do that, use a silicon gun charged with transparent refills and have fun “freezing” the edges of your pieces, creating all the stalactites. When silicon is dry, use another dry brush with some light-blue painting to obtain the azure shades typical of Icecrown’s glaciers.

image

FINAL ADJUSTMENTS:

For the furry parts you need to sew two tube-shaped bases for each arm and leg, to which you will attach the armor pieces (for legs, glue the furry fabric directly to the boots).

To make the cloack and the little cloth piece hanging from the belt, it is advisable to buy some black wool. I’ve found some great trimming for their edges, look for something similar in fabric shops and ask for help if you’re not good at sewing.

I’ve bought a real chain shirt and glued all the upper pieces to it. As far as the mobile parts (such as shoulders and legs) are concerned, use velcro stripes to keep them attached to your trousers and sleeves.

I guess this is all, people. See you soon for a tutorial about Frostmourne and wooden weapons in general!!

Arthas Armor Tutorial (ITALIANO)

(ENGLISH VERSION COMING SOON)

Benvenuti al tutorial per costruire l’armatura di Arthas Menethil!

La guida sarà basata sulla mia armatura, e dunque sul metodo che io ho deciso di utilizzare. Ovviamente ci sono altri mille modi di farlo, ma noi utilizzeremo la tecnica tipica delle armi da gioco di ruolo dal vivo: plastazote e lattice.

image

OCCORRENTE PER I PEZZI D’ARMATURA:

(per le quantità dipenderà da voi, regolatevi sulla base delle vostre misure e di eventuali tentativi/errori)

- Plastazote (densità media, in fogli neri): per reperirlo, il consiglio è rivolgervi alle associazioni di GDR live della vostra zona, che vi daranno sicuramente ottime indicazioni. Se no, chiedete pure a me nei commenti.

- Lattice (liquido trasparente): acquistabile in ogni negozio di belle arti che si rispetti. Ricordatevi di tenerlo lontano da fonti di calore e chiuderlo bene.

- Colori acrilici (meglio se in tubetto): argento, antracite, nero.

- Pennelli ultra-morbidi a setole fine

- Qualche pennellino da belle arti per le rifiniture

- Bostik/Artiglio in tubetto o barattolo

- Teschi di plastica o polistirolo (cercateli nei negozi di articoli per carnevale/halloween)

- Coni da festa in cartoncino (per gli spuntoni)

- Un paio di stivali di gomma/cuoio alti (io uso quelli di Decathlon)

- Un paio di guanti di ecopelle marrone

- Alcuni fogli di foam (per le rifiniture)

- Mini-sfere di gomma piuma o polistirolo

- Polistilene in tavole

- Colla vinilica

- Pistola per il silicone e ricariche trasparenti

- PROTETTIVO: ce ne sono solamente due buoni, ovvero l’Isoflex (acquistabile solo dall’estero e vietato in Italia) oppure il Final LARP (che io vi consiglio).

Attrezzi base come carta vetrata, taglierino, penne e righelli vari sono dati per scontati, ognuno di voi dovrebbe averne comunque in casa.

COME COSTRUIRE L’ARMATURA:

La tecnica del plastazote e lattice non è difficile da utilizzare, una volta acquisita la giusta manualità. Prima di tutto, occorre disegnare e tagliare le sagome dei vari pezzi su un cartoncino, in modo da rendersi subito conto delle dimensioni, fare qualche tentativo e, cosa ancora più importante, essere in grado di replicare i pezzi esattamente identici quando ve ne sia bisogno (ad esempio per i gambali e i bracciali). In questa fase, possedere un manichino aiuta moltissimo, ma se ne può fare a meno.

Cosa si può fare con il plastazote: termoformarlo, intagliarlo, scartavetrarlo. Ricordatevi molto bene queste tre cose, perché sono la chiave per costruire qualsiasi tipo di armatura desideriate. Non spiegherò nel dettaglio ogni singolo pezzo, ma solo i passaggi più complessi. Imparate a fare quelli, e sarete in grado di costruire l’intera armatura senza problemi.

Per quanto riguarda Arthas, la cosa migliore è iniziare dal busto, che è semplicissimo: semplicemente basta tagliare tre lastre di plastazote sfalsate ed incollarle una sopra l’altra per ottenere una delle due metà del pezzo finale. Ricordatevi di incollarle dopo aver piegato i pezzi: facendo questo, terranno la curva desiderata senza bisogno di scaldare il plastazote.

La seconda cosa davvero facile è la cintura. Per farla, dovrete imparare come intagliare il plastazote per creare scanalature e disegni. Il principio è semplicissimo: prima disegnate a penna le linee da seguire per l’intaglio, dopo di che con il taglierino praticate due incisioni opposte a V lungo tutta la linea. Vedrete che una piccola sezione di materiale verrà via, lasciando la scanalatura desiderata. Se non si stacca in automatico, aiutatevi con le mani e tiratela via, non abbiate paura di rovinare niente, non si vedrà.

image

Un metodo alternativo è l’uso del pirografo, ma è rischioso perché al minimo errore rischiate di buttare via il pezzo.

A questo punto incollare il teschio che avete scelto per la cintura (dopo avergli tagliato via metà del cranio in modo da “incassarlo” nel centro dell’armatura) e costruitegli il corno con il polistilene. Disegnatene la sagoma e scartavetratelo fino a renderlo tondeggiante e liscio. Infine copritelo di colla vinilica e usate il bostik per attaccarlo sulla fronte del teschio.

Con lo stesso principio, potete costruire le gambe, la copertura degli stivali, le placche per i guanti guanti e le braccia senza alcun problema in particolare. Ricordate che prima di incollare i pezzi sulle parti in pelo o sulle scarpe, è meglio colorare e latticizzare il tutto, quindi aspettate di completare la fase di verniciatura.

Passiamo ora alla parte sicuramente più difficile, cosa che vale per tutte le armature o quasi: gli spallacci. Arthas ne ha due diversi fra loro, ma equivalenti in dimensioni e, in linea di massima, anche come procedimento. Il mio consiglio è di usare il cartoncino per fare numerose prove, fin quando non siete soddisfatti, prima di lavorare con il plastazote.

Per fare un spallaccio con questo tipo di materiale, il trucco è prendere in prestito dalla sartoria la tecnica della “pence”, ovvero un taglietto di forma triangolare in punti strategici del foglio per creare delle pieghe che si possano approssimare a vere e proprie curve. Scordatevi di creare in plastazoto una forma come una semisfera senza avere qualche particolare, rifinitura o bordino a coprire le pence necessarie a far girare il foglio. Per fortuna, Arthas ci aiuta molto in questo senso: entrambi gli spallacci hanno sfere e particolari che coprano le pence, da fare sul lato di ciascuno spallaccio, pressappoco all’altezza dei due piccoli teschi inscritti nei cerchi (che dovete costruire a parte e poi incollare, secondo lo stesso principio della cintura).

Una volta tagliate le pence, incollatene le due parti in modo da far piegare il plastazote. Dopodiché, procedete a creare i particolari sopra i due spallacci: rifinitene i bordi in modo da dare meglio la forma, aggiungete le semisfere su quello di destra (tagliate in due le sfere di gommapiuma o polistirolo e incollatele) e i bordi su quello di sinistra. Ora, andiamo un attimo nel dettaglio di ognuno dei due pezzi e delle sue particolarità.

Spallaccio destro: la difficoltà qui sta solo esclusivamente nel tagliare il grosso teschio in modo da farlo aderire al resto. State molto attenti a come lo fate, usate un po’ taglierino e un po’ carta vetrata, e poi incollatelo. Per fare i suoi “denti”, utilizzate di nuovo il plastazote e scartavetratene il bordo per renderlo tondeggiante. In questo caso è utilissimo riuscire a trovare, come me, un teschio di poliuretano. Se non riuscite a trovarlo, costruitelo in cartapesta e stuccate e scartavetrare fino a che non ottenete una superficie abbastanza liscia (vi sono anche altri mille metodi per farlo, ma la cartapesta è il più semplice e veloce e dà ottimi risultati se ben rifinita).

image

Spallaccio sinistro: il problema in questo spallaccio è la sporgenza “affilata” che lo percorre per intero da dietro a davanti. Per costruirlo, tagliate due mezzelune identiche nel plastazote, poi con il taglierino “sbucciate” l’orlo più largo di entrambe, in modo da randerlo obliquo anziché a 90 gradi. A questo punto, mettete colla su ambedue i bordi obliqui che avete ottenuto e, una volta asciugata, incollateli in modo da ottenere l’effetto di “lama” del pezzo originale. Infine, incollatelo sullo spallaccio. Questo metodo di “sbucciare” i bordi per creare angoli diversi da quello retto fra i vari pezzi è fondamentale nella creazione di armature, quindi imparate a padroneggiarlo il meglio possibile.

Per quanto riguarda gli spuntoni, che sono perfettamente conici, il mio consiglio è procurarvi coni da festa che taglierete e modificherete in modo da ottenere le dimensioni volute, prima di coprirli di colla vinilica per proteggerli ed incollarli sull’armatura.

image

Bene, completata la fase di costruzione, ora passiamo a verniciare.

COLORAZIONE:

La prima cosa da fare è approntare il proprio laboratorio per l’applicazione del lattice. Cioè che vi occorre è:

- un barattolo con coperchio per CIASCUN COLORE che intendete utilizzare (nel nostro caso uno solo) e un altro per il lattice puro.

- un barattolo pieno di acqua e sapone oppure di ammoniaca (che è il solvente del lattice)

- una mascherina al carbonio che dovete indossare SEMPRE mentre lavorate, anche se all’aperto. Se lavorando vi comincia a girare la testa, smettete subito, prendete un po’ d’aria e aspettate un’oretta prima di ricominciare.

image

Ora, prima di tutto riempite il barattolo di lattice puro e preparatevi a stendere le prima 4 mani. Verniciate in un solo senso e state attenti: ripassare sul lattice che si sta asciugando creerà dei grumi impossibili da eliminare, se non “spellando” l’intero pezzo e ricominciando da capo. Il mio consiglio è di fare prima delle prove, perché queste prime mani sono il momento in cui la maggior parte delle persone fa errori e si scoraggia. La tecnica per verniciare col lattice va imparata con molta pratica e senza lasciarsi buttare giù dagli errori che sicuramente farete.

Ricordatevi di lavare il pennello con acqua calda e sapone e metterlo a bagno dopo ogni mano. I tempi di asciugatura variano molto a seconda dell’umidità dell’aria e del tempo atmosferico o la temperatura dell’ambiente in cui lavorate, se siete al chiuso. Attenzione, quando il lattice è asciutto, a non far toccare due pezzi, o si incolleranno e saranno irrimediabilmente rovinati.

Dopo quattro mani, vedrete che il lattice avrà riempito tutti o quasi tutti i pori del plastazote. E’ tempo di utilizzare i colori! Mescolate una parte di acrilico con tre di lattice in un barattolo (chiudetelo sempre dopo aver lavorato, il miscuglio si conserva!) e verniciate sopra le quattro mani precedenti. A seconda dei colori, ce ne vorranno almeno tre, ma si può arrivare anche a sette. Per quanto riguarda Arthas, io ho fatto un colore metallizzato scuro mescolando argento e antracite. Se fate come me, ricordatevi di tenere un barattolo anche di colore senza lattice, da passare sulle parti in plastica, cartone e poliuretano (teschi, corna, spuntoni).

RIFINITURE E PROTETTIVO:

Una volta finita la verniciatura, è tempo per le rifiniture. Ora, qui dipende molto dai gusti personali. Personalmente, io adoro le armature che sembrino un po’ rovinate, non linde di forgiatura ma provate da mille battaglie. Questo si ottiene in un modo preciso: sporcando il vostro lavoro con la tecnica nota come “pennello asciutto”.

Prendete un pennellino da belle arti e dell’acrilico nero a tubetto. Spremete poco colore su un pezzo di cartone e con il pennello spargetelo per bene. Il pennello si rovinerà, ma il vostro obiettivo è ottenere delle setole sporche di colore e quasi asciutte. A questo punto, passatelo su ogni sporgenza, bordo e incavo dell’armatura e l’effetto di sfumature e sporcature che otterrete sarà davvero realistico. Esistono molte altre tecniche che vi aiutano in questo, vi basta fare un giro su qualche sito di modellismo.
Io stesso ne applico anche altre, ma per Arthas ho preferito affidarmi al solo pennello asciutto.

Infine, occorre proteggere l’armatura con il Final LARP. Anche qui, indossate una mascherina e tenete presente che questo tipo di vernice impiega almeno ventiquattro ore prima di essere asciutta e qualche giorno prima di smettere di risultare appiccicosa.

EFFETTO DEL GHIACCIO COLATO:

Questa è stata una mia personale scelta: in molte immagini l’armatura di Arthas sembra piena di stalattiti di ghiaccio che colano da ogni pezzo. Per farlo, utilizzate una pistola a silicone trasparente e divertitevi a “congelare” i bordi dei vostri pezzi, creando l’effetto stalattiti. Quando il silicone è asciutto, passate il pennello asciutto con un po’ di acrilico celeste per ottenere le sfumature azzurrine tipiche del ghiaccio di Icecrown.

image

ULTIMI RITOCCHI:

Per le parti in pelo, vi occorre cucire due tubolari per ogni braccio e due per ogni gamba, su cui incollare i pezzi d’armatura (sulle gambe, incollate il pelo intorno allo stivale).

Il mantello e il piccolo pezzo di stoffa che pende dalla cintura vi conviene realizzarli in lana nera. Io ho trovato una passamaneria adattissima per il bordo di entrambi, cercate qualcosa di simile nei negozi di stoffe e fatevi aiutare se non siete pratici di sartoria.

Procuratevi dell’ecopelle o del cuoio per le varie cinghie su gambe e braccia.

Per la cotta di maglia, io ne ho acquistata una vera e ci ho incollato sopra il tutto. Per quanto riguarda i pezzi mobili, come spallacci e gambali, utilizzate del velcro applicandolo anche su pantaloni e maglietta nera a maniche lunghe per tenerli fermi.

Direi che è tutto. A presto per la guida su Frostmourne e le armi in legno!

Work in progress of Terra and Aqua’s armors from KH: Birth by Sleep. These will be our costumes at next italian WCS selections!

V2 on stage at major italian con Lucca Comics and Games as Arthas Menethil and Jaina Proudmoore from Warcraft III. Italian with English subs.

Our first post!

Welcome everybody! :D

We’re two Italian cosplayers and this is our blog as a team! :3
Our adventure started in July 2011, when only 24 hours after we met for the first time, we cosplayed Fred & Ginny from the Harry Potter saga, and went on last November at Lucca Comics&Games (major Italian con) where we won a jury’s special mention as Jaina and Arthas from Warcraft III. Now we’re working hard on our costumes to take part in our country’s WCS selections next September. We’re gonna cosplay Terra and Aqua (both with the armor set!)from Kingdom Hearts: Birth By Sleep, and gosh, this is sO FUCKING EXCITING! ** (Vi says: OMG MY WIG’S JUST ARRIVED ASDFGHJKL IT’S WONDERFUL <3)
In the next few weeks we’ll be updating this blog with photos & work in progress of our cosplays, so stay tuned and follow us! ;D 

Trying to not suck our credit cards dry,
Virginia&Valentino 

Jaina &amp; Arthas from Warcraft III @ Lucca Comics&amp;Games 2011

Jaina & Arthas from Warcraft III @ Lucca Comics&Games 2011